“Tre uomini e una città in gabbia” video teaser. Finanzia un documentario sulla ricostruzione post terremoto a L’Aquila

Un video teaser di 3:32 minuti per ricordare l’ora del terremoto che ha distrutto L’Aquila il 6 aprile 2009, le persone che non ci sono più e quelle che resistono da quasi 10 anni. Finanzia una terza sessione di riprese per terminare il documentario rincontrando Stefano, Luca, Federico e gli altri Aquilani che hanno perso la casa, con cui ho passato l’estate 2012 e che sono tornato a trovare una seconda volta a 5 anni dal terremoto. Hanno raccontato i perché della lentezza della ricostruzione, che nel frattempo ha fatto passi avanti, pur se il centro storico resta in gran parte da riedificare e ancora poco abitato. Quando ho cercato un produttore per questo documentario in questi anni mi hanno risposto che L’Aquila non faceva più notizia. Se invece vuoi aiutarmi a dare un segnale contro “le gabbie” in cui sono stati posti gli Aquilani, sostieni la produzione di questo documentario prima di aprile 2019, perché possa terminarlo per il decimo anniversario del sisma. Condividi questo video e dona dal post che contiene questo video in veritaevisioni.info, o dalla sezione del sito “about”, o cercando direttamente l’account Paypal filippo@veritaevisioni.info, con causale “documentario L’Aquila” o “Tre uomini e una città in gabbia”, o con bonifico chiedendo un IBAN. A tutti quelli che doneranno almeno 20 euro e mi scriveranno, farò avere il file del documentario, se riuscirò a realizzare una terza e ultima sessione di riprese, altrimenti destinerò quanto raccolto ad un’attività sociale a L’Aquila. Vorrei che il mio impegno serva almeno a ricostruire storie, dignità e relazioni, se non edifici. Grazie!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>